Slider / storie di donne / 30 marzo 2015

Helen Gurley Brown: la donna che ha insegnato alle single (e non solo) a essere sexy e felici

«Le brave ragazze vanno in paradiso. Le cattive dappertutto». È la sua più celebre frase e tutte l’abbiamo letta, sentita o detta probabilmente senza sapere che a coniarla è stata lei: Helen Gurley Brown, la donna che ha diretto Cosmopolitan per 31 anni.

Helen Gurley Brown non è stata solo la direttrice storica di uno dei magazine più venduti e noti al mondo, è stata soprattutto una guida per milioni di donne, una femminista suo malgrado. In America è un’icona, qui in Italia è molto meno conosciuta e anche io, in realtà, l’ho scoperta davvero dopo la sua morte avvenuta nell’agosto del 2012.

E penso sia una donna da conoscere, da studiare e da leggere. Il suo best seller mondiale, Sex and the single girl, è stato scritto nel 1962 e all’epoca è stato rivoluzionario. Un testo emancipato che, in un periodo storico in cui la donna era vista soprattutto in funzione di un buon matrimonio, suggeriva alle ragazze di essere orgogliose di loro stesse, di vivere pienamente anche senza avere un uomo accanto e di essere sexy per sé stesse.

Perché essere sexy è un attitudine che coinvolge tutti gli ambiti della vita, non solo le relazioni amorose, ma anche il lavoro e la relazione con noi stesse.

«What is sexy women? Very simple. She is a woman who enjoys sex». Essere sexy è davvero molto semplice, basta essere una donna che ama vivere e giocare appieno con il fatto di essere femmina.

Helen Gurley Brown

Immagini del libro Bad girls go everywhere di Jennifer Scanlon dedicato a Helen Gurley Brown

 

Nel suo best seller, che è diventato anche un film, Helen Gurley Brown invita le donne a non chiedere scusa per il fatto di essere single e offre consigli su come arredare casa, vestirsi, fare shopping, cucinare, comportarsi con gli uomini. È in tutto e per tutto l’antesignano di Sex and the City.

Per anni Helen Gurley Brown è stata eletta dal World Almanac una delle 25 donne più influenti degli Stati Uniti, per ciò che ha insegnato alle donne a partire dagli anni ’60, grazie al suo libro ma anche alla sua incisiva direzione di Cosmopolitan: è diventata direttrice del magazine nel ’65 e lo è stata fino al 1997, quando poi ha assunto la direzione di tutte le edizioni internazionali.

Le sue “lezioni” sull’essere femminili, sull’essere donne che si godono la vita sono perfette ancora oggi, nonostante siano passati sopra anni di rivoluzioni culturali. Helen Gurley Brown spronava le donne a vivere il sesso senza colpa e a goderselo soprattutto. Incitava a vivere appieno e con piacere, a essere autentiche senza timore di esprimere le proprie opinioni, a prendersi tutto: denaro, carriera, famiglia, perché ogni donna può prendersi tutto quello che vuole. E poi ad amare sé stesse e il proprio corpo e a trovare un uomo alla propria altezza, un uomo cioè capace di dare alla propria donna ciò che lei dà a lui.

Helen Gurley Brown è nata in un paesino dell’Arkansas nel 1922, ha vissuto con sua madre e sua sorella e ha lavorato per anni come segretaria per aiutare economicamente la sua famiglia. Ha sempre lavorato con passione anche dopo il matrimonio con il produttore David Brown. Ha vissuto mostrando in modo meravigliosamente sfacciato il piacere per la vita.

E io onestamente, lo dico con una punta di orgoglio, sono felice di aver avuto la possibilità di collaborare con Cosmopolitan, che ha nel suo dna lo spirito di questa donna.

ABSOLUTELY

Un’immagine tratta dal libro Ba girls go everywhere di Jennifer Scanlon dedicato a Helen Gurley Brown

 

Molte delle frasi più celebri di Helen Gurley Brown sono diventate quotes:

«Come può una donna non essere femminista? La ragazza alla quale mi rivolgo vuole essere conosciuta per quella che è. Se non è un messaggio femminista questo, non so che cosa lo sia».

«Il sesso è tra le cose migliori della vita e gli uomini non sono nemici».

«Tu puoi avere un titolo di riconoscimento, io mi prenderò soldi e potere».

«Il denaro, se non ti porta la felicità, almeno aiuterà a essere infelice in tutta comodità».

«La bellezza non può divertirti, ma la lettura, la scrittura e il pensiero può».

«Quasi tutte le donne che sono glamour, ricche e di successo che tu ora puoi invidiare, hanno iniziato camminando a stento».


Tags:  Cosmopolitan Helen Gurley Brown Sex and the single girl

Bookmark and Share




Previous Post
Prima il piacere e poi il dovere. La libertà è il tempo per le cose che ami
Next Post
Un weekend a Tunisi e la meraviglia del Museo del Bardo







0 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



More Story
Prima il piacere e poi il dovere. La libertà è il tempo per le cose che ami
La felicità al Potere di José Pepe Mujica è entrato a far parte delle mie letture guida, quelle che compongono i pilastri...